modelli-di-e-commerce

E-commerce: tutte le tipologie di mercato

Per commercio elettronico si intende le operazioni di compravendita tramite un portale online. Una piattaforma e-commerce può avere una struttura molto varia ma quella più conosciuta riguarda la vendita di prodotti o servizi da parte dell’impresa verso il pubblico.

Prima di capire perché la presenza di un e-commerce può aumentare il volume di affari aziendale è importante conoscere le sue diverse tipologie, che si suddividono in:

  • Business-to-Business (B2B)
  • Business-to-Consumer(B2C)
  • Consumer-to-Consumer(C2C)

Si differenziano l’uno dall’altro per gli attori che sono coinvolti, da una parte troviamo le aziende e dall’altra i consumatori finali.

Modello B2B 

Come suggerisce il nome, il Business to Business riguarda le transazioni commerciali che hanno le aziende verso altre aziende, lasciando fuori i consumatori finali. Il volume di affari di questi portali è più grosso rispetto al resto delle tipologie ma a causa del numero degli attori ristretti è anche più difficile da commercializzare a nuove imprese. Avere una vetrina online da autorevolezza al brand dell’azienda ed essere di supporto alle altre attività del settore commerciale. Secondo la AMR Research il 29% delle transazioni commerciali online è proprio B2B perché rendono più agevoli accordi già presi tra aziende, velocizzando il processo di fruizione dei servizi e trovando anche barriere dì entrata più basse.

Modello B2C

Il Business To Customers è quello più conosciuto, in cui le aziende vendono i prodotti online direttamente ai consumatori finali. Molti sono i casi di successo in Italia e nel mondo a cui possiamo fare riferimento: Amazon ad esempio mette a disposizione più di 2.000.000 titoli tra beni e servizi di varia natura arrivando al consumatore diretto con un prezzo più basso rispetto a un qualsiasi negozio fisico. I vantaggi per i clienti sono innumerevoli, dal risparmio alla comodità di ordinare un prodotto senza spostarsi. Creare un e-commerce online può aiutare anche per chi ha già un negozio fisico ma vuole trovare nuovi clienti che non lo hanno ancora conosciuto, oppure per fidelizzare quelli reali senza rischiare di perderli. 

Diversi studi hanno dimostrato che l’abbigliamento, prodotti creativi/artistici/musicali e informatica spesso vengono acquistati dalla comodità della propria poltrona tenendo uno smartphone in mano. Ecco perché è importante un e-commerce responsive più per il B2C che per il B2B, il primo è rivolto ad utenti nel tempo libero, il secondo verso desktop da uffici. 

Modello B2C: I consumatori acquistano dal proprio smathphone

Modello B2C: I consumatori acquistano dal proprio smathphone

Modello C2C

Il Customers to Customers dovrebbe essere meno conosciuto ma negli ultimi anni sta prendendo sempre più una fetta di mercato prima oscuro. Basti pensare all’ascesa di Ebay e Subito.it che sul C2C hanno messo le fondamenta della loro fortuna. In questi marketplace sono i consumatori che rivendono beni o offrono servizi privati verso altri attori come loro. Internet ha favorito di gran lunga queste transazioni per la facilità di incontro tra gli attori, offrendo soprattutto la sicurezza dei pagamenti attraverso carte di credito, PayPal e altri sistemi finanziari che garantiscono il pagamento sia per il venditore che per il cliente. 

Uno sguardo nel futuro: il modello C2B

Non ancora sviluppato a differenza dei primi tre, il modello Customers to Business vede un consumatore che decide quanto è disposto a spendere per acquistare un bene e\0 un servizio. Le aziende possono proporsi e il cliente finale deciderà se e quale delle proposte accettare. Un esempio è Prontopro.it, dove il cliente descrive il servizio di cui ha bisogno e le aziende propongono i loro preventivi. 

I nostri clienti che operano nel settore B2B e B2C hanno scelto di creare un sito online per ricercare nuovi clienti e aumentare il fatturato. Per le imprese che ancora non sono entrare nel mercato digitale, il Ministero dello Sviluppo Economico ha messo a disposizione voucher da 10.000€ per aiutarle nel processo di digitalizzazione. Richiederli è semplice, contattaci per saperne di più

Nessun Commento

Inserisci un Commento

Continuando a navigare in questo sito accetto la normativa sull'utilizzo dei cookie Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi